sabato 13 luglio 2013

Alice e l'Anti-latte




“Ti piacerebbe abitare nella Casa dello Specchio, Kitty? Chissà se ti darebbero il latte anche lì? Forse il Latte dello Specchio non è buono…”

Ricordo ancora quanto questa frase mi colpì la prima volta che lessi Alice nel paese delle meraviglie o meglio, Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò. Un concetto stupido e apparentemente banale? Neanche per sogno, non in un mondo dove i processi metabolici sono governati dalla stereochimica. Il concetto diviene ancor più stupefacente se si pensa che all’epoca della stesura del libro, Carroll non poteva sapere dell’isomeria delle molecole organiche e quindi delle implicazioni che questa banale affermazione potesse avere. 
- Alice ha ragione! -
- In che senso? -
- Il metabolismo degli esseri viventi sviluppati sulla terra è basato prevalentemente sulla biochimica degli isomeri. Molecole apparentemente identiche, ma con differente orientamento nello spazio. La maggior parte degli enzimi è stereospecifico. Per un uomo o un animale la assunzione di molecole organiche stereoisomericamente invertite potrebbe avere ripercussioni gravi sull’organismo. -
- Tipo? - chiede con tono curioso e apprensivo come se da questa rivelazione potesse dipendere la nostra vita.
- Potremmo andare da un banale mancato nutrimento, all’innesco di reazioni allergiche, passando per l’avvelenamento dei tessuti cellulari. Molecole “invertite” hanno proprietà chimiche differenti. -
- Ammesso che abbia senso produrre del latte “invertito” è quasi certo che esso non sarebbe buono da bere per un uomo “normale”, mentre forse sarebbe essenziale per un uomo la cui biochimica - per qualche oscura ragione - risulti “invertita”. -
- Quindi? - fa quasi spazientita.
- Quindi niente, era una riflessione così tanto per dire… - dico sorridendo, mentre mi pare di notare del fumo nero fuoriuscire dalle sue orecchie. 
Perché quando si arrabbia mi sembra ancora più bella? Decido di farla diventare bellissima.
- Qualcuno si è spinto oltre, leggendovi legami con la specularità degli atomi e delle particelle sub-atomiche. In questo caso il latte dello specchio dovrebbe essere costituito da anti-protoni, anti-neutroni e anti-elettroni: in poche parole di antimateria. In questo caso, se Alice bevesse l'Anti-latte, esploderebbe al solo contatto con il liquido. Insomma da qualunque parte la guardiamo, Carroll aveva intuito proprietà fondamentali della materia. -
- Grrrrr… - sibila tirando fuori artigli da gatta - Ti odio quando fai il saputello. Tu da bambino dovevi essere il classico secchione sfigato. Quello che tutti prendono in giro, vero? -
- Per prendermi in giro mi prendevano in giro eccome, ma ti assicuro che non ero affatto il primo della classe. Anzi… - mi guarda di sbieco, poi sorride acida facendo brillare i canini con un lampo maligno. 


(to be continued)

Avviso per i Blognauti:

Questo brano è tratto Terza Parte di Mutamenti
Un piccolo estratto scelto in modo da rivelare poco o nulla a chi (sfortunello) non ha ancora avuto l'onore di leggere il magnificentissimo libro di "memedesimoFabioGhionipropriomestesso"...




  
In Mutamenti esiste un altro riferimento ad Alice e al suo folle mondo... l'avete trovato?
 No? Volete un aiutino? 
E aiutino sia...


Lo riconoscete??? Dai non è difficile... ;))))

Post più popolari